Warning: hash_equals(): Expected user_string to be a string, null given in /homepages/23/d483312256/htdocs/clickandbuilds/WordPress/ElevateTheLife/wp-includes/pluggable.php on line 1359

Warning: hash_equals(): Expected user_string to be a string, null given in /homepages/23/d483312256/htdocs/clickandbuilds/WordPress/ElevateTheLife/wp-includes/pluggable.php on line 1365
Musica rilassante da meditazione | Download Immediato

Toni Binaurali

I toni binaurali (o battiti binaurali dall’inglese binaural beats) sono dei battimenti che vengono percepiti dal cervello quando due suoni con frequenza inferiore ai 1 500 Hz e con differenza inferiore ai 30 Hz vengono ascoltati separatamente attraverso degli auricolari.

È importante precisare che tali battimenti non sono conseguenza, come normalmente accade, di una sovrapposizione fisica delle onde sonore (cosa impossibile utilizzando degli auricolari), ma vengono generati direttamente nel cervello. Il fenomeno è stato identificato nel 1839 da Heinrich Wilhelm Dove.

Il fenomeno si esplicita applicando due suoni differenti per mezzo di auricolari ad un soggetto.

Differenza Temporale Interaurale (ITD) dei toni binaurali

Descrizione:

I suoni non devono essere troppo alti e troppo discostati come frequenza, altrimenti verrebbero percepiti come due suoni distinti, come in realtà sono effettivamente; per questo nei toni binaurali, vengono utilizzate frequenze tra i 1000 e 1500 Hz, con una differenza tra orecchio destro e sinistro inferiore a 30 Hz, che si dimostrano in grado di produrre l’effetto. Il cervello dal Ponte di Varolio, sulla via acustica, genera un terzo tono equivalente alla differenza tra le due frequenze e viene percepito dal soggetto in maniera nitida come un battimento acustico. Lo stimolo nell’area del nucleo olivare superiore inizialmente interessa la zona che normalmente sovrintende alla localizzazione tridimensionale del movimento dei suoni; i ritmi acustici rapidamente inducono le risposte motorie in uno stato di stabile sincronizzazione costante sotto e sopra le soglie di percezione cosciente nel tronco encefalico e nella sostanza grigia, regolando la risonanza di retroazione cerebrale sull’onda di sincronia indotta dai toni binaurali su regioni che includono aree primarie sensorimotorie, aree cingolate, aree premotorie bilaterali opercolari, corteccia ventrale prefrontale, e subcorticali, insula anteriore, putamen e talamo.

Le frequenze uditive umane sono all’incirca ristrette alla percezione nell’intervallo che spazia nominalmente tra i 20 ed i 20 000 Hz, mentre le frequenze rilevate per le attività cerebrali cognitive sono al di sotto dei 30–40 Hz, rendendo difficile o impossibile l’input naturale attraverso l’udito di frequenze vicino o sotto la soglia inferiore acustica umana. Per riuscire a innescare tali frequenze, ad esempio sui 10 Hz come le onde Alfa rilevate normalmente nelle fasi di rilassamento, tipicamente viene applicato ad un orecchio un tono da 315 Hz ed all’altro un tono da 325 Hz, cosicché il cervello generi un terzo tono con una frequenza da 10 Hz. E’ proprio grazie a questo fenomeno che è possibile allineare artificialmente le proprie onde cerebrali alle frequenze benefiche descritte in questa pagina.

Cenni Storici:

Heinrich Wilhelm Dove scoprì il fenomeno dei toni binaurali nel 1839, ma nonostante le successive ricerche l’argomento rimase poco più di una curiosità scientifica fino a quando nel 1973 Gerald Oster pubblicò l’articolo “Auditory Beats in the Brain” (Scientific American, 1973). In questo articolo Oster definì i toni binaurali come un potente strumento per le ricerche nel campo della neuroscienza cognitiva e suggerì il loro uso anche come strumento per diagnosi mediche per problemi all’udito o di natura neurologica. Uno studio del 1977 su soggetti afasici ha dimostrato l’incapacita’ di percepire i toni binaurali da parte di coloro che hanno subito gravi ictus. Altri Utilizzi:

Estrogeni

Nelle donne è stato rilevato che esistono due picchi distinti massimi di percezione dei battimenti, precisamente al momento dell’ovulazione e 15 giorni dopo, rendendoli potenzialmente utili come riferimento alla concentrazione e ciclo degli estrogeni.

Parkinson

Nei malati di morbo di Parkinson è stata rilevata una difficoltà o inabilità di percepire le frequenze dei battimenti generati dal cervello. Sono stati misurati i livelli di percezione di malati non trattati con terapie e degli stessi dopo una settimana di trattamento, rilevando che al migliorare del decorso della malattia si ottiene un miglioramento della percezione dei battimenti, rendendo questo fenomeno un possibile strumento diagnostico dell’effetto terapeutico.

Ormoni

Alcuni rilievi sperimentali studiano il fenomeno innescato da specifiche frequenze binaurali che possono stimolare specifiche ghiandole a secernere date quantità di ormoni, in un esperimento è stato possibile modulare beta-endorfine con un mix di onde Alfa-Theta.

Un vasto campo di applicazioni:

Esistono numerosi e vasti campi di applicazione per i quali i toni binaurali  sarebbero efficaci. Tra queste, la cura per l’abuso di sostanze stupefacenti, tabagismo, alcolosi, potenziamento della memoria, potenziamento dell’apprendimento, potenziamento dell’erezione per soggetti con disfunzioni erettili e molto altro ancora.

Un consulente a tua disposizione.

Al momento l'assistenza è offline. Invia comunque il tuo messaggio ti contatteremo il prima possibile.

Domande? Siamo qui a tua disposizione!

Click ENTER to chat
Loading...
Scarica GRATIS un album Brainwaves Entrainment!

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi